informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si scrive un articolo di opinione: consigli e linee guida

Commenti disabilitati su Come si scrive un articolo di opinione: consigli e linee guida Studiare a Rieti

Vuoi redigere un articolo di opinione, ma non sai esattamente cosa fare?

Allora sei nel posto giusto. In questo articolo, infatti, cercheremo di fornirti una guida ricca di consigli e indicazioni che potrai memorizzare facilmente e utilizzare per la stesura dei tuoi testi.

In poche parole: vedremo proprio come si scrive un articolo di opinione. Vuoi saperne di più? Allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito. Buona lettura.

Articolo di giornale d’opinione: ecco di cosa si tratta

Ma un articolo di opinione cos’è esattamente? Nei paragrafi che seguono andremo proprio a capire cos’è e come si scrive questo particolare articolo di giornale.

Definizione articoli di opinione

Partiamo dalle basi dell’articolo di opinioni: la definizione.

Si tratta di articoli di giornale che oltre a contenere informazioni di attualità, danno spazio anche alle opinioni del giornalista scrivente. Siano esse dal punto di vista strettamente della cronaca, ma anche culturali o di costume, giusto per fare qualche esempio.

Le forme attraverso le quali può essere redatto un articolo d’opinione sono diverse. Può trattarsi ad esempio di:

  1. Un editoriale. Ovvero l’articolo di apertura di una pubblicazione periodica in cui il direttore o uno dei migliori giornalisti dice la sua su un problema. Perfetto per un articolo di opinione di attualità;
  2. Articolo di fondo. Cioè quello con cui il direttore responsabile di un quotidiano offre la propria interpretazione sull’avvenimento più importante della giornata;
  3. Articolo di spalla. Quello che contiene un commento o un’analisi che approfondisce la notizia principale del giorno;
  4. Un corsivo. Breve commento incisivo su una singola notizia, un personaggio o una vicenda d’interesse pubblico. Solitamente polemico oppure ironico;
  5. Una rubrica. Pubblicazione di articoli ad intervalli regolari da parte dello stesso giornalista e collocati in posizione fissa all’interno del giornale.

Ancor prima della notizia alla quale agganciarsi, l’aspetto fondamentale per scrivere un articolo di questo tipo è avere realmente una opinione da esprimere.

Struttura articolo di giornale di opinione

Passiamo adesso ad un aspetto fondamentale per scrivere un articolo di opinione: la scaletta.

Per realizzare una struttura efficace, tieni ben a mente questi quattro suggerimenti:

  1. Utilizza un titolo che riesca a condensare in una frase il cuore della tua opinione. Una sorta di slogan;
  2. Il lead, ovvero il cappello introduttivo dell’articolo di opinione, deve essere in grado di catturare l’attenzione del lettore e di introdurre e sintetizzare efficacemente il contenuto della tua tesi;
  3. Il linguaggio deve essere certamente e innanzitutto comprensibile e di uso comune. Ma non dimenticare di personalizzarlo in modo espressivo;
  4. Il paragrafo conclusivo deve sintetizzare l’opinione espressa all’interno dell’articolo, ma anche suggerire nuovi spunti che riescano ad alimentare il dibattito attorno alle tue tesi.

Tutto chiaro fin qui? Molto bene, allora andiamo avanti.

Come scrivere l’articolo: consigli utili

A questo punto, fatte tutte le premettesse del caso su cos’è un articolo di opinione e quale struttura seguire per realizzarlo nella maniera più corretta ed efficace possibile, ecco alcuni consigli pratici che ti aiuteranno a scriverlo nel migliore dei modi.

  1. Scegli un argomento. Se sei a corto di idee, prova a dare un’occhiata agli argomenti di attualità. Come ad esempio un articolo di opinione sul bullismo. Oppure pensa agli argomenti che più ti appassionano e sui quali ti senti competente ben informato o hai comunque qualcosa di interessante da dire. Magari un argomento complesso e controverso. Chiediti cosa ne pensi e se può interessare chi lo legge;
  2. Scrivi l’articolo. Non è un saggio, quindi poni subito il focus sull’argomento e la tua opinione in merito. E sottolinea il perché bisogna interessarsi a tale tematica. Aiutati con notazioni pittoresche, attenzione per i dettagli, provocazioni se necessarie ed esempi quanto più calzanti possibile. In modo da coinvolgere sul lettore. Cerca di citare anche opinioni contrarie, magari smontandole e accreditando il tuo pensiero. Possibilmente indicando anche delle soluzioni;
  3. Concludi l’articolo. Dedica il paragrafo finale a fare una sintesi delle tue opinioni espresse nell’articolo e ribadire con forza le tue tesi.

Se non è un articolo di opinione svolto, poco ci manca.

Come scrivere un articolo di giornale d’opinione

Ed eccoci giunti alla conclusione della guida Unicusano su consigli e linee guida per un articolo di opinione. Abbiamo visto cosa sono questi particolari articoli di giornale, come devono essere strutturati e come fare per renderli quanto più interessanti ed efficaci possibile.

Adesso quando leggerai un articolo di opinione sul Corriere della Sera, piuttosto che su La Repubblica, Il Messaggero, Il Tempo, La Stampa, il Giornale, o altri quotidiani, blog e riviste varie, avrai un occhio più critico e consapevole. Inoltre sarai più preparato qualora avessi la possibilità di scriverne uno tutto tuo per un giornale locale o nazionale. 

Torno a consultare questa nostra guida ogni qual volta dovessi averne bisogno o volessi cimentarti nella stesura di un articolo di opinione. È qui per questo. A noi non rimane che augurarti buona scrittura.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali